Logo Università degli Studi di Milano



 
 
News  

February 3, 2014: Rossana Raviola: Semantica dei sortali e ontologia. Un compromesso fra nominalismo e realismo

Alice meets Humpty Dumpty - The Victorian Web

Rossana Raviola (University of Pavia)

Semantica dei sortali e ontologia. Un compromesso fra nominalismo e realismo

February 3 MON 2014 — 12.30-14.30

Room: Sala Riunioni - Direzione del Dipartimento (Via Festa del Perdono 7, Milano)

Abstract

Un sortale è un termine del linguaggio e nella fattispecie un termine generale – un predicato. Diversamente dai predicati esprimenti aspetti o caratteristiche, il sortale è un predicato che esprime ciò che è l’oggetto a cui esso è applicato, ovvero la sua essenza. Il problema concernente la semantica dei sortali è allora un caso specifico del problema degli universali, quest’ultimo inteso come questione semantica volta a chiarire se e in che modo i termini generali siano da considerarsi termini referenziali alla maniera dei termini individuali. Come per il problema generale degli universali, anche per ciò che concerne i sortali le varie concezioni sono suddivisibili in nominaliste e realiste secondo che a tali termini venga negata o meno un’autentica funzione denotativa. Secondo i realisti, l’approccio più soddisfacente alla semantica dei termini sortali consiste nell’attribuir loro un ruolo autenticamente referenziale, considerando, in qualità di loro referenti, i cosiddetti kinds, giacché le leggi scientifiche risultano meglio interpretabili se sono intese come proposizioni riguardanti i kinds quali loro soggetti logici. Da un punto di vista strettamente semantico sembra dunque che le concezioni realiste siano in vantaggio rispetto alla concorrenti nominaliste. Tuttavia, oltre agli aspetti prettamente semantici della questione, vi sono veri e propri aspetti ontologici che non sono nient’affatto trascurabili. Che cosa sono i kinds dal punto di vista ontologico? Sia che lo status ontologico dei kinds sia concepito alla maniera aristotelica piuttosto che alla maniera platonica o, ancora, alla maniera concettualista, le difficoltà sono molteplici. Pertanto, se in sede semantica sembrano avere la meglio le ipotesi realiste, in sede ontologica godono di maggior credito e favore le ipotesi nominaliste. Tuttavia, è davvero necessario contrapporre le dimensioni ontologica e semantica in relazione alla questione dei sortali? Ciò che si mostrerà è che, al contrario, tale contrapposizione non occorre affatto, e lo si mostrerà a partire dal legame fra termini sortali e leggi scientifiche su cui fanno leva i realisti, portando a galla ed esaminando le ambiguità di significato insite in alcuni particolari enunciati deducibili da quelle leggi. Le conseguenze derivanti da tali analisi condurranno alla possibilità di trovare una posizione intermedia, almeno per quanto concerne i sortali, fra realismo e nominalismo.

07 January 2014
Back to top